una nuova tecnica per la cura del retinoblastoma

Retinoblastoma: una nuova tecnica per salvare gli occhi e le vite di tanti bambini

12 Luglio, 2017

Una nuova tecnica negli studi clinici del St. Jude ha il potenziale di salvare diverse vite umane in tutto il mondo.

A quattro anni Lela Moody è un piccolo raggio di sole che canta, gioca e sparge gioia. Ironia della sorte, la bambina è viva oggi proprio grazie a un raggio di luce che ha colpito il suo occhio nel punto giusto al momento giusto.

Nell’aprile del 2012, Mandy Moody notò un riflesso biancastro nell’occhio di sua figlia. Quel piccolo risalto ha offerto l’unico indizio per diagnosticarle a sei settimane di vita un caso avanzato di retinoblastoma. Al St. Jude Children’s Research Hospital, i chirurghi le hanno rimosso l’occhio sinistro ma sono riusciti a preservare la vista dell’occhio destro.

Lela è fortunata, perché il suo cancro è stato trovato prima che potesse diffondersi ulteriormente. Ma migliaia di bambini nei paesi in via di sviluppo perdono la vita ogni anno a causa della diagnosi tardiva e del cattivo accesso alle cure mediche.

Ora il St. Jude intende estendere la sua ricerca e la sua assistenza clinica alle più lontane aree del globo; una nuova sperimentazione clinica sta sfruttando la potenza del cellulare per fornire una diagnosi precoce e salvare la vita di bambini come Lela.

Cura del Retinoblastoma: l’individuazione precoce è fondamentale

Il retinoblastoma è un raro cancro della retina, la membrana sottile posizionata nel retro dell’occhio. Se non trattato, il cancro può diffondersi al nervo ottico, al cervello, alle ossa e al midollo osseo. La malattia è di solito scoperta dai genitori che notano un riflesso anormale in foto scattate con flash ai loro figli. In un bambino sano, il centro dell’occhio può apparire rosso in risposta a una luce brillante, ma nel caso del retinoblastoma, può sembrare bianco. Quel bagliore è conosciuto come leucocoria.

Carlos Rodriguez-Galindo, presidente della medicina pediatrica del St. Jude , afferma che ogni bambino dovrebbe avere un esame riflessivo leggero con un oftalmoscopio durante ogni visita ordinaria di pediatria.

“Se questo fosse fatto correttamente, tutti i bambini con retinoblastoma potrebbero essere diagnosticati molto presto nella clinica”.

Eppure, questo accade raramente a causa delle difficoltà di esecuzione del test.

“Nei miei anni di visite a pazienti con retinoblastoma solo una manciata di casi è venuta su segnalazione di un medico pediatra o di un infermiere”. “La maggior arrivano quando un genitore viene da me e dice:” Dottore, c’è qualcosa che non va nell’occhio di mio figlio “. “Nel momento in cui un genitore può vedere la leucocoria, il tumore ha già riempito due terzi del bulbo oculare”, aggiunge Rodriguez-Galindo. “Questo rende più difficile trattare e salvare l’occhio”.

Cura del Retinoblastoma: salvare gli occhi equivale a salvare vite

Circa otto anni fa, a quattro mesi di vita a Noah Shaw fu diagnosticato il retinoblastoma dopo che sua madre notò un riflesso bianco nelle fotografie. Come risultato di questa esperienza, il papa di Noah, lo scienziato Bryan Shaw e i suoi colleghi dell’Università di Baylor hanno sviluppato un programma chiamato CRADLE (Computer-Assisted Detector of Leukocoria) per scansionare le foto e individuare il riflesso bianco.

“Quando ho analizzato le 9.000 immagini del mio album di famiglia,” afferma Shaw, “ho scoperto che la leucocoria di mio figlio ha cominciato a mostrarsi quando aveva 12 giorni. Se avesse iniziato allora il trattamento, gli avrebbero potuto salvare l’occhio destro».

Non solo l’applicazione scansionerà le foto esistenti sul telefono dell’utente, ma potrà anche valutare un video preso da un medico durante un esame.

Ora Rodriguez-Galindo sta dirigendo uno studio clinico al St. Jude per convalidare la sensibilità dell’app e determinare il suo corretto funzionamento. L’obiettivo a lungo termine è quello di offrire agli operatori sanitari di tutto il mondo uno strumento gratuito e attendibile.

“In America, l’uso corretto di questa applicazione può salvare gli occhi”, dice Rodriguez-Galindo. “Ma in paesi con risorse limitate, l’uso corretto di questa applicazione potrebbe effettivamente salvare vite”.

Non appena il test clinico sarà completato e lo strumento sarà convalidato, il St. Jude utilizzerà l’applicazione per visitare i bambini in tutto il mondo. Accordi sono già stati presi in Guatemala e nelle Filippine, dove il St. Jude ha un team di diagnosi precoce per le malattie degli occhi e di altri problemi di salute.

 

No comments yet. You should be kind and add one!

Leave a Reply

Your email address will not be published.This is a required field!

<small>You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes:<br> <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Dona ora

Sostieni anche tu i bambini che lottano contro il Retinoblastoma e le loro famiglie. Il tuo contributo è importante.


Iscriviti alla Newsletter

Lascia la tua e-mail per essere aggiornato sulle notizie relative al Retinoblastoma o alla nostra associazione.


Powered by Watch Dragon ball super

Condividi166
Tweet
Condividi